Note legali e Copyright
Tutti i contenuti disponibili sul sito WWW.THETRAVELJAM.COM possono essere pubblicati su siti terzi solo ed esclusivamente previa autorizzazione da richiedersi a mikyekiro@thetraveljam.com, con la condizione che in caso di accettazione venga indicato l'autore come appare sul presente sito, e si faccia espressamente riferimento a WWW.THETRAVELJAM.COM come fonte. Qualsiasi violazione del diritto d'autore sarà perseguita ai sensi di legge, sia in sede penale che civile.
 

10 regole per viaggiare col bagaglio a mano

  |   Consigli di viaggio, Lifestyle, Travel   |   No comment

Si sa, per chiunque fare le valigie è un rituale “scomodo”, sicuramente il momento meno attraente del viaggio, sia all’andata che al ritorno. Per non parlare di noi donne che spesso affrontiamo anche un semplice weekend con bauli di roba capaci di contenere armadio, scarpiera e tutto il necessaire di bellezza.

Ma superata la fase “impacchettamento”, quando il vostro viaggio prevede uno o più aerei, c’è un evento che può sconvolgere qualsiasi piano e che può gettarvi in uno stato di sconforto misto a panico: la perdita del bagaglio in aeroporto… ahhhhhhhhhh!

IMG_8849-1024x520

E’ fastidioso in ogni caso, ma se succede all’andata del viaggio ancor di più. Vuol dire, infatti, trascorrere qualche ora, alcuni giorni o gran parte della vacanza senza i beni di prima necessità, chiamare ogni ora l’ufficio Lost & Found locale, fino a compiere dei veri e propri “pellegrinaggi” all’aeroporto nella speranza di veder ricomparire la vostra amata valigia!

A questo punto non è difficile capire che la vacanza, o almeno il suo inizio, è irrimediabilmente rovinata!
E non cascate nell’errore – che ho fatto anch’io la prima volta – di pensare che (complice il rimborso che potrete ottenere), la valigia persa potrebbe rivelarsi un’ottima occasione di shopping… Voglio vedervi se portate 41 (per le donne) o 46 (per gli uomini) di scarpe come fareste a comprarne un paio a Shanghai (la se siete fortunati i numeri arrivano al 39 e al 44), o dover ricomprare tutte le vostre preziose creme di bellezza alle Maldive o in India, senza contare che in alcuni angoli del mondo pensare di poter comprare qualcosa di vagamente mettibile è una vera impresa!

IMG_1685

E’ così che dopo numerosi eventi nefasti abbiamo promesso a noi stessi di non imbarcare mai più una valigia in aereo (salvo casi eccezionali), affinando viaggio dopo viaggio, la tecnica per ottimizzare lo spazio e il peso del bagaglio a mano spingendoci fin dove le compagnie aeree ce lo permettono. Con questo spirito abbiamo affrontato 15 giorni in Cina con i bambini, il viaggio in Messico e Miami, il Giappone, ecc. a maggior ragione se il viaggio prevede più di uno scalo e quindi aumentano notevolmente le probabilità che non rivedrete mai più il vostro “prezioso” bagaglio!

Sappiate però che non è affatto facile votarsi a questo regime e forse in alcuni casi vi troverete ad indossare qualche indumento che normalmente avreste infilato in lavatrice, ma qua di seguito vi diamo le nostre 10 regole per viaggiare col bagaglio a mano.

IMG_2298
1. Per prima cosa considerate a fondo la vostra destinazione e gli impegni che avrete, se sarete solo in vacanza o se avrete degli appuntamenti più formali. Se si tratta di un luogo caldo o freddo e così via.

2. E’ inutile fare programmi a lungo termine. Meglio tenere d’occhio le previsioni meteo fino all’ultimo e decidere di conseguenza cosa portare.

IMG_6877

3. Anche se le previsioni fossero disastrose o al contrario eccezionali, la parola d’ordine è diversificare. Non dimenticate mai di mettere qualcosa che vada controcorrente in modo da essere pronti in caso di un cambiamento inaspettato del tempo. In alcune parti del mondo le arie condizionate possono raggiungere temperature polari anche se fuori si superano i 40 gradi, quindi una pashmina e una giacca leggera sono indispensabili anche ai tropici.

4. Nel decidere cosa portare contate i giorni di viaggio, così da calcolare i cambi di cui necessiterete e cosa ancor più importante cercate di fare mentalmente gli abbinamenti giusti per evitare di portare cose inutili che non potreste mai mettere.

5. Anche se morite dalla voglia di portare proprio quel paio di scarpe che amate tanto o quel vestito che avete appena comprato, pensate bene se avrete l’occasione di metterli… Ogni capo o accessorio va soppesato e “ottimizzato”.

6. Una volta fatte tutte queste considerazioni va poi affrontata la scelta della valigia. Le dimensioni del cabin luggage (il bagaglio da cabina) sono standard (normalmente 55 x 40 x 20 cm), ma ciò che cambia da compagnia a compagnia e da tratta a tratta è il peso. Prima di partire verificate sempre sul sito della vostra compagnia, anche in base alla tariffa (da qualche tempo, infatti, le compagnie tradizionali e non solo le low cost, hanno inserito tariffe a bagaglio ridotto e con condizioni diverse dal solito).

7. A questo punto vi tocca il più arduo momento del vostro pre-vacanza: mettere in valigia ciò che avete scelto! La tecnica migliore per ottimizzare lo spazio è quella di arrotolare gli indumenti. Vi stupirete di quante cose possono entrare in questo modo, ma non dimenticatevi che dovrete sempre fare i conti con il peso.

IMG_8829

Una volta chiusa la valigia infatti vi conviene sempre pesarla preventivamente. Mettetela sulla bilancia e valutate (sulla base di quanto autorizzato dalla Compagnia aerea) se dovete togliere qualcosa e se invece potete aggiungere quel benedettissimo maglioncino a cui proprio non volevate rinunciare.

9. Ricordate che oltre al bagaglio a mano, può essere portata con voi una borsa o un piccolo zaino per contenere gli oggetti personali, come telefono, portafogli, documenti di viaggio, ecc. Ecco il Jolly! Scegliendo infatti la borsa giusta potreste affidare a questa le cose che per ragioni di spazio o di peso non siete proprio riusciti a far entrare nel bagaglio principale. Ricordate infatti che questo bagaglio, se di dimensioni accettabili, non viene pesato ed è per questo che di solito lo usiamo per gli oggetti più pesanti: vi lusserete una spalla, ma almeno non avrete rinunciato alla piastra per la messa in piega!

10. A questo punto vi spetta una sola cosa: recarvi al check in con la massima nonchalance e pregare che la vostra bilancia sia tarata bene (non dimenticate che comunque in ogni albergo che si rispetti il servizio lavanderia è assicurato).

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.