Note legali e Copyright
Tutti i contenuti disponibili sul sito WWW.THETRAVELJAM.COM possono essere pubblicati su siti terzi solo ed esclusivamente previa autorizzazione da richiedersi a mikyekiro@thetraveljam.com, con la condizione che in caso di accettazione venga indicato l'autore come appare sul presente sito, e si faccia espressamente riferimento a WWW.THETRAVELJAM.COM come fonte. Qualsiasi violazione del diritto d'autore sarà perseguita ai sensi di legge, sia in sede penale che civile.
 
viaggiare coi bambini

Viaggiare coi bambini: noi abbiamo iniziato così

  |   Consigli di viaggio, Travel, Viaggi con Bambini, Viky e Alex   |   1 Comment

Ricordo come se fosse ieri un giorno d’estate di quasi 11 anni fa in cui io e Kiro ci siamo guardati e abbiamo improvvisamente capito di volere un bambino. Proprio noi che fino a quel momento non ci avevamo mai pensato e non ne avevamo mai parlato. Noi che vivevamo in coppia già da tanti anni come infaticabili globetrotter. Dopo l’entusiasmo iniziale Kiro mi fa: “Però mi devi promettere una cosa. Che non smetteremo di viaggiare coi bambini!“.

viaggiare coi bambini

 

E’ da quella richiesta che ho capito fortemente sia di volere figli, sia di volerli portare con me alla scoperta del mondo. Perchè non viaggiare coi bambini sicuramente è più facile, più economico e soprattutto è una vacanza vera e propria. Insomma i motivi per lasciare i bambini coi nonni sono molteplici e tutti validissimi, ma ce ne sono alcuni, pochi a dire il vero, che sbaragliano qualsiasi convinzione in questo senso.

All’inizio, infatti, potendocelo permettere e visto che erano molto piccoli li lasciavamo a casa coi nonni. Appena partiti sentivamo l’euforia di quel senso di libertà che però durava poco: arrivati finalmente in albergo, dopo aver attraversato mezzo mondo, la prima cosa che facciamo qual è? Tirare fuori il tablet e iniziare a guardare le loro foto perchè ci mancano troppo! Questo rituale si è susseguito tante e tante volte, e non si può dire che stessimo soffrendo, in fondo eravamo alle Maldive, a Miami, Messico, India, New York, e chi più ne ha più ne metta.

viaggiare coi bambini

 

E’ così che dopo avergli dedicato vacanze al mare, settimane bianche e qualche viaggio on the road per l’Italia e l’Europa, ed esserci girati il mondo confidando sull’immensa disponibilità dei nonni che se li tenevano ad ogni nostra richiesta, abbiamo finalmente deciso che a 3 (Alex) e 5 (Viky) anni era arrivata l’ora del loro primo viaggio “serio”… Il Viaggio con la V maiuscola!

L’obiettivo era trovare una destinazione che rispondesse ai seguenti requisiti: volo intercontinentale, cultura completamente diversa dalla nostra e un programma che non avrebbe lasciato spazio a noia e capricci… E la risposta è arrivata quasi subito: li avremmo portati in Cina!

viaggiare coi bambini

 

Il viaggio in Cina coi bambini è stato fantastico e nonostante fossero piccolissimi ancora lo ricordano in maniera nitida e con grande fierezza (quando elencano i loro viaggi, la Cina è sempre al primo posto). Prima di partire gli avevo fatto un piccolo training (n.d.r. meglio definirlo lavaggio del cervello) dicendogli che loro erano due soldatini e avrebbero dovuto obbedire a mamma e papà senza fare storie. Avevamo creato davvero un itinerario intenso, organizzando tutto da soli avremmo dovuto prendere 5 aerei e 1 treno notturno. Avremmo dormito in 7 posti diversi (1 treno e 6 alberghi), visitato circa 10 località in 15 giorni e udite udite…il tutto col solo bagaglio a mano: 4 trolley, 1 a testa!

Lo so che ci starete prendendo per matti (non posso negare che anche noi temevamo di aver esagerato), ma è stata l’esperienza più bella della nostra vita, almeno sino ad oggi. Un viaggio epico in cui i bambini sono stati meravigliosi, sempre obbedienti e che ha aperto la strada a molte altre avventure insieme, come quella dell’anno scorso in Cambogia e Tailandia o quest’estate in Islanda.

viaggiare coi bambini

 

La verità è che per i bambini non esiste un’età giusta per viaggiare, ogni età fa vedere il mondo in modo diverso. Esattamente come leggere un libro o vedere un film. Esiste però un principio indissolubile: i bambini pendono dalle nostre labbra per imparare e conoscere qualsiasi cosa li circonda. Spetta solo a noi donargli questa fortuna. Magari con qualche sacrificio, sia economico che di riposo. Rinunceremo semmai al migliore albergo sulla piazza, li accontenteremo portandoli in piscina al termine di una intensa giornata di “esplorazione”,  addio definitivo alla nightlife (almeno dopo le 11 di sera), ma con la convinzione che gli avremo fatto il più grande regalo di sempre… gli avremo donato il sogno!

Si perchè viaggiare coi bambini è un arricchimento per tutti. Per i piccoli che si nutrono di cose diverse dal loro mondo ma anche per i genitori stessi che possono gioire degli occhi dei loro figli per scoprire cose che altrimenti non avrebbero neanche notato.

viaggio in islanda

 E voi dove vorreste viaggiare coi bambini? E dove li avete già portati?

 

 

 

1Comment
  • Barbie | ago 6, 2015 at 20:04

    It was dark when I woke. This is a ray of suhinsne.

Post A Comment