Note legali e Copyright
Tutti i contenuti disponibili sul sito WWW.THETRAVELJAM.COM possono essere pubblicati su siti terzi solo ed esclusivamente previa autorizzazione da richiedersi a mikyekiro@thetraveljam.com, con la condizione che in caso di accettazione venga indicato l'autore come appare sul presente sito, e si faccia espressamente riferimento a WWW.THETRAVELJAM.COM come fonte. Qualsiasi violazione del diritto d'autore sarà perseguita ai sensi di legge, sia in sede penale che civile.
 

Weekend nell’Alta Toscana

C

osa fare quando ci viene voglia di evadere per qualche giorno senza allontanarci troppo? Noi andiamo alla scoperta del nostro meraviglioso Paese e stavolta abbiamo deciso di trascorrere un weekend esplorando l’Alta Toscana, quella che si estende tra Pisa, Lucca e la Versilia e, a sud, fino alle vigne di Bolgheri e Castagneto Carducci. E’ una parte della Toscana molto diversa da tutto il resto, ma altrettanto bella e meritevole.

alta toscana

La Versilia è il luogo di villeggiatura prediletto di molti personaggi famosi, frequentata soprattutto da milanesi, mondana e divertente. I suoi stabilimenti che si estendono per chilometri lungo le ampie spiagge da Forte dei Marmi a Viareggio sono noti per l’eleganza  e per l’alta professionalità turistica, anche se comunque non possono competere con quelle della Riviera Romagnola.

[Leggi il nostro racconto di viaggio sulla RIVIERA ROMAGNOLA cliccando qui]

alta toscana

A poca di distanza ci sono le città d’arte, come Pisa e Lucca, e dietro le vette rocciose delle Alpi Apuane che a tratti sembrano le Dolomiti, alle cui pendici si trovano le cave del più famoso marmo del pianeta, quello del Marmo di Carrara.

alta toscana

La meta più turistica dell’Alta Toscana è sicuramente Pisa, con la sua celebre torre pendente. Nonostante sia una città piena di palazzi storici, chiese, mura e torri medievali, a Pisa spesso si viene per vedere Piazza dei Miracoli e basta, mentre il resto, un po’ sottotono, passa praticamente inosservato. Gran quantità di pullman turistici arrivano da Firenze ogni giorno riversando migliaia di visitatori che affollano la bellissima Piazza per poi farsi scattare delle foto fingendo di appoggiarsi o tenere la Torre.

alta toscana

Piazza dei Miracoli è uno straordinario capolavoro di bellezza e originalità medievale, non a caso Patrimonio dell’Umanità, non solo per la Torre ma anche per il meraviglioso Duomo e per il Battistero, di marmo bianco che risalta il verde del prato che circonda il tutto.

E non è solo la torre, ma l’intero complesso che ci ha sempre affascinato… nonostante il sovraffollamento.

alta toscana

A pochi chilometri da Pisa inizia la Versilia, il tratto di costa celebre per gli stabilimenti balneari attrezzati, i numerosi locali e discoteche, tra cui la Capannina di Franceschi, set di moltissimi film sulla dolce vita del litorale toscano.

Si parte da Viareggio, città che ospita molti noti cantieri di barche da diporto nonché il secondo carnevale più famoso d’Italia dopo quello di Venezia. Lungo l’ampio lungomare coi vari accessi agli stabilimenti si possono ammirare le caratteristiche palazzine stile liberty e déco tra cui il Gran Caffè Margherita, il Bagno Balena e il Cinema Eden. Ciononostante, a noi ci è sembrato tutto un po’ melanconico e di poco appeal. Non ce ne vogliano i viareggini!

alta toscana

Persino il Grand Hotel Royal, forse l’edificio più bello di tutta la cosa, che si erge maestoso in mezzo al nulla, non riesce a migliorare la sensazione di un posto un po’ decadente.

La situazione cambia proseguendo lungo la litorale verso Forte dei Marmi che, invece, è una cittadina balneare molto piacevole con una lunghissima spiaggia dove si susseguono stabilimenti a perdita d’occhio, mentre dietro si incrociano stradine tranquille e villette. Il mezzo di locomozione più caratteristico è la bicicletta, per andare al mare o fare la spesa nei famosi mercatini frequentati dalle ricche signore milanesi.

alta toscana

Piace molto a personaggi dello spettacolo, campioni sportivi e manager dell’alta finanza. Insomma, una vacanza a Forte ci potrebbe anche stare, a patto di trovarsi con una compagnia numerosa e tanta voglia di fare festa.

Se ci si trova dalle parti della Versilia vale la pena organizzare una visita molto particolare, quella del bacino marmifero di Carrara dove si estrae il marmo più famoso del mondo. In queste cave venivano scelti da Michelangelo e da Canova i giganteschi blocchi che davano vita ai loro capolavori.

E poi, a circa venti minuti da Pisa, dietro le colline, si trova invece una cittadina che può tenere testa alle più blasonate rivali della Toscana “famosa”: Lucca.

alta toscanaCi aspettavamo una piccola cittadina di cui conoscevamo solo la celebre piazza ovale, mentre ci siamo trovati in una vera città d’arte, importante, ricca di storia, con imponenti edifici rinascimentali, chiese, torri, una popolazione che è quasi il doppio di quella di Siena e il tutto contornato da una possente cinta muraria cinquecentesca perfettamente conservata lunga quasi 5 chilometri.

alta toscana

[Leggi il nostro racconto di viaggio a SIENA E DINTORNI cliccando qui]

Il centro storico è enorme per le proporzioni della città, e il suo cuore è la Piazza dell’Anfiteatro di una particolare forma ovale che segue l’antico anfiteatro romano su cui è stata costruita. Bellissimo il Duomo.

alta toscana

La miglior vista si gode dalla cima alberata della Torre Guinigi da cui lo sguardo spazia sui tetti del centro e sulle colline circostanti.

Ed è proprio nei dintorni di Lucca, nella piana avvolta tra le colline, che a partire dal XV secolo sono state edificate una serie di maestose dimore antiche, tra cui Villa Mansi, Villa Oliva, Villa Bernardini e altre, alcune visitabili, che tutt’oggi appartengono alle famiglie aristocratiche lucchesi.

alta toscana

A meno di un’ora dalla Versilia, a sud, lungo via Aurelia, oltrepassate Livorno e Cecina, c’è una grande sorpresa per i buongustai ma soprattutto per gli amanti del vino. Siamo leggermente fuori mano, ma tanto non capita mai di andarci di proposito e oltretutto va bene per una gita in giornata. E’ l’antico Borgo di Bolgheri, quello del viale dei cipressi lungo cinque chilometri decantato da Giosuè Carducci.

alta toscana

Nei dintorni di Bolgheri si producono fra i tre migliori e più cari vini italiani, l’Ornellaia, Sassicaia e Solaia. Andare a Bolgheri è un vero e proprio pellegrinaggio enogastronomico, meno per il portafogli se si volesse portare a casa qualche pregiata bottiglia. Per il resto, oltre al castello e al viale dei cipressi a Bolgheri c’è poco da vedere. Bevete con moderazione, prudenza alla guida e … degustate le Serre Nuove dell’Ornellaia, la versione “economica” del rosso DOCG che da solo vale il viaggio!

Strada-del-vino-Bolgheri

Questa è l’Alta Toscana, posti che hanno poco a che spartire con il resto della famosissima regione. Non ci sono i pittoreschi borghi dietro ogni curva del Chianti, le file di cipressi dei dintorni di Montalcino, le osterie e le enoteche. Troviamo però le famose spiagge, tanto divertimento in estate e sport, persino di montagna tra trekking, arrampicate e parapendio da praticare sulle Alpi Apuane.

Buon viaggio!