Note legali e Copyright
Tutti i contenuti disponibili sul sito WWW.THETRAVELJAM.COM possono essere pubblicati su siti terzi solo ed esclusivamente previa autorizzazione da richiedersi a mikyekiro@thetraveljam.com, con la condizione che in caso di accettazione venga indicato l'autore come appare sul presente sito, e si faccia espressamente riferimento a WWW.THETRAVELJAM.COM come fonte. Qualsiasi violazione del diritto d'autore sarà perseguita ai sensi di legge, sia in sede penale che civile.
 

Viaggio a Firenze

T

ra le città italiane più conosciute nel mondo, con una storia e un patrimonio culturale da far impallidire la maggior parte delle città d’arte. Nonostante le dimensioni contenute e la proverbiale tranquillità, Firenze si è aggiudicata la fama di un luogo un po’ snob, attrattiva di molti radical-chic e intellettuali che amano visitarla per passeggiare in centro sfoggiando conoscenze, assistere agli eventi letterari o semplicemente perchè dire di aver passato un weekend qui è come dire di conoscere Dante a memoria.

hDpNt

Capoluogo della Toscana, culla del Rinascimento (frase che ogni fiorentino DOC non manca di ribadire in continuazione). Casa della celebre dinastia dei Medici che l’hanno trasformata nei primi del ‘400 in centro vitale della Penisola grazie all’incredibile fiuto per la politica, il commercio, l’arte e la cultura di Lorenzo il Magnifico, Firenze ha un legame indissolubile con una stupefacente serie di personaggi come Leonardo, Michelangelo, Amerigo Vespucci, Macchiavelli, Cimabue, Brunelleschi, Donatello, Botticelli, Dante appunto, ma anche di altri, in tempi recenti, amati dalle ultime generazioni come gli attori e registi Roberto Benigni e Leonardo Pieraccioni, gli stilisti Roberto Cavalli, Ferragamo e Scervino, i cantanti Piero Pelù e Irene Grandi. Insomma, una città che ha saputo mantenere l’immagine di brand anche nei tempi moderni.

XBcjx

A scapito di quanti si possa pensare, Firenze è una città abbastanza piccola, a misura d’uomo, il cui centro storico è interamente (e facilmente) visitabile a piedi, anche perché la maggior parte è zona pedonale. In alternativa noleggiate delle biciclette o affittate dei segway, ma in ogni caso camminare sulle sue strade resta il mondo migliore per visitarla.

Pe run viaggio a Firenze di solito basta un weekend (due notti) per godersela appieno, compresa la visita agli Uffizi, la celeberrima galleria dove si ammirano opere straordinarie come la Venere di Botticelli. Salvo ovviamente tornarci più volte nella vita!

CJ7ku

Si alloggia naturalmente in centro storico, che si sviluppa sull’asse che va dal Ponte Vecchio agli Uffizi e Piazza della Signoria per poi arrivare al Duomo e da lì attraversando il Mercato di San Lorenzo fino alla Chiesa di Santa Maria Novella. Il tempo massimo per percorrere tale itinerario a piedi, per far comprendere le distanze davvero ridotte, è di 30 minuti circa.

Di solito chi visita Firenze la raggiunge o in treno veloce, da Roma, Milano e Venezia, scendendo alla stazione centrale Santa Maria Novella, o in auto. Entrambe le soluzioni hanno dei pro e dei contro. Il treno vi permette la libertà di arrivare comodamente con bagaglio a mano in pieno centro, ma non di esplorare gli splendidi dintorni affollati di castelli e maestose tenute cinquecentesche contornate da vigneti e uliveti.

R9diE

L’auto, da parte sua, nel centro di Firenze può trasformarsi in un vero impiccio, considerato che tutto il Centro storico è Zona a Traffico Limitato dove l’accesso diurno non è consentito e le multe sono salatissime. Altrettanto alti sono i costi dei parcheggi che spesso arrivano (sulle strisce blu) a €3 per ogni ora. Se, comunque, giungete in auto, lasciatela al parcheggio della Stazione centrale, Santa Maria Novella da dove agevolmente si parte all’esplorazione della città.

Per alloggiare, un posto meritevole è il B&B Antica Dimora Johlea o comunque gli alberghi del centro. Come abbiamo già detto vi sorprenderete quant’è in realtà piccola Firenze. In alternativa, se magari vi trattenete qualche giorno in più e vi volete avvalere del servizio navetta per raggiungere il centro, potete optare per Villa La Massa, lungo l’Arno, un Leading Hotel di charme.

 

Piazza della Signoria

hQ3Md

Il primo luogo da visitare è sicuramente Piazza della Signoria, la piazza centrale della città, dominata all’imponente Palazzo Vecchio, tutt’oggi sede dell’amministrazione comunale. Entrate nel palazzo, aperto al pubblico, per ammirare il Cortile della Dogana e poi salite per un’occhiata del Salone dei Cinquecento e le altre sale maestosamente affrescate. Il palazzo è contornato da alcune statue che testimoniano la grande storia della città, tra cui il David di Michelangelo (si tratta di una copia, mentre l’originale si trova all’interno della Galleria dell’Accademia).

Un27S

Accanto al Palazzo Vecchio si trova anche la gotica Loggia dei Lanzi, all’epoca usata per le cerimonie di piazza e poi trasformata in un museo a cielo aperto dove potete ammirare una serie di sculture tra cui il Perseo di Cellini.

Sulla Piazza ci sono poi altri edifici storici come il Tribunale della Mercanzia, Palazzo Ugocciolini e quello neorinascimentale di Assicurazioni Generali e al centro la Fontana del Nettuno. Insomma, Piazza della Signoria è un luogo davvero straordinario che ha conservato in modo quasi unico anche l’atmosfera dei tempi che furono.

OAEb8

Sul lato sinistro del Palazzo Vecchio si trova uno dei musei più importanti al mondo, gli Uffizi, che secondo le statistiche è il museo più visitato d’Italia. Perciò, acquistate i biglietti con largo anticipo!

All’interno vi attendono opere d’arte di inestimabile fama e valore (la maggior parte appartenute ai Medici) tra Giotto, Tiziano, Caravaggio, Michelangelo e Leonardo. Una ventata di cultura da non mancare.

 

Il Ponte Vecchio

7wfed

Attraversando il lunghissimo cortile si arriva sulle sponde dell’Arno e precisamente sul Lungarno Archibusieri da dove si apre una bellissima veduta sul Ponte Vecchio. Il ponte, coperto e oggi sede di orefici e negozi di souvenir, nel 1442 fu adibito dall’autorità cittadina come sede delle botteghe dei macellai per toglierli dal centro. Il ponte, insieme al cortile degli Uffizi, era anche il collegamento tra Palazzo Vecchio, sede del governo dei Medici, e Palazzo Pitti, sulla sponda opposta, residenza della famiglia dove oggi si tiene Pitti Immagine, uno degli eventi di alta moda più importanti del pianeta. Quando vi trovate tra la folla di turisti sul ponte fate attenzione ai borseggiatori che qui non mancano di certo.

 

Il Duomo

DCIM100GOPROGOPR1542.

Il “centro da vivere” di Firenze, invece, si trova nella direzione opposta ossia sulla sinistra rispetto a Piazza della Signoria e si sviluppa sui due lati della strada centrale della città, Via dei Calzaiuoli, pedonale e commercialissima, che arriva dritta in Piazza del Duomo.

A destra e sinistra di via dei Calzaiuoli ci sono gli ombrosi vicoli centrali pieni di ristorantini e negozietti. Volendo degustare le più tipiche pietanze fiorentine, svoltate per via e fermatevi per un piatto di crostini toscani o un piatto di pici al volo da uno dei più gettonati locali di street food della città, Il Cernacchino.

Circa a metà tragitto, camminando da Piazza della Signoria verso il Duomo, sulla sinistra troverete la cortissima Via degli Speziali che porta in Piazza della Repubblica. Edificata nel periodo in cui Firenze è stata Capitale d’Italia (per soli sei anni, dal 1865 al 1871), la piazza, in tipico stile ottocentesco, stona con il resto della città. All’angolo con via degli Speziali si trova, però, il grande edificio della Rinascente. Salite all’ultimo piano, nella caffetteria-ristorante, da dove si gode un panorama indimenticabile sul centro e dove potrete scattare meravigliose foto sul Duomo.

Sulla sinistra, tornando leggermente indietro, ci si imbattere alla caratteristica Loggia del Mercato Nuovo, detta anche Loggia del Porcellino, antico mercato coperto rimasto tale anche oggi. Contornato da nicchie con statue di fiorentini illustri, nasconde tra le bancarelle anche una statua che raffigura un cinghiale, da dove deriva il suo soprannome.

1XIK4

Ritornando su Via dei Calzaiuoli si arriva in Piazza del Duomo. Beh, se parliamo di Firenze, l’edificio più importante è sicuramente la Cattedrale di Santa Maria del Fiore completata dalla gigantesca cupola di Brunelleschi e dal Campanile, alto 84 metri, progettato da Giotto. In stile tra gotico e rinascimentale è un edificio incredibile, una delle cattedrali più belle al mondo, grazie anche al suo rivestimento interno di marmi bianchi di Carrara e verdi di Prato. Unica pecca… è praticamente impossibile fotografarlo da vicino, salvo che con un grandangolo incredibile.

Accanto si trova anche il Battistero, noto per le gradi porte raffiguranti scene bibliche realizzate ognuna da un diverso artista dell’epoca.

Mercato di San Lorenzo

qFRIu

Da Piazza del Duomo avete due opzioni. Proseguire dritti per un centinaio di metri per vistare la Biblioteca Medicea Laurenziana, disegnata da Michelangelo, che raccoglie una delle più importanti collezioni di antichi manoscritti o svoltare a sinistra, su Via dei Cerretani (poi Via dei Bianchi) arrivando alla bellissima Piazza di Santa Maria Novella con l’omonima basilica, esempio di rinascimento fiorentino.

A pochi passi anche il Mercato di San Lorenzo che occupa sia l’imponente edificio coperto che le strade adiacenti con un infinità di bancarelle di souvenir e artigianato locale, prevalentemente prodotti di pelle di cui sono famosi i fiorentini. Entrate nel mercato coperto e andate e mangiate nelle numerose botteghe.

Piazzale Michelangelo

BxUUj

A questo punto non vi resta che uscire dal centro e andare in collina, sulla sponda opposta dell’Arno (in taxi, auto o con i mezzi) fino a Piazzale Michelangelo, il luogo più panoramico per ammirare Firenze dall’alto.

25IkN

E ancor meglio, salite ancora fino all’Abazia di San Miniato al Monte, accessibile attraverso una grande scalinata. La vista incredibile sulla città e le colline circostanti l’hanno resa luogo prediletto per i matrimoni “in” dei fiorentini e non solo.

E per cena…

Dopo il tramonto Firenze diventa altrettanto affascinante, con i vicoli coperti da ombre e atmosfere suggestive. Si va a cena per degustare una delle più celeberrime cucine della Penisola, nota per la “Fiorentina”, la mega-bistecca di taglio alto, con osso, fatta alla brace, e per dessert un “castagnaccio” o delle “frittelle”. Il tutto accompagnato da vino rosso, preferibilmente Chianti Classico! E poi, per digerire, una passeggiata lungo l’Arno.
Consigliamo la Trattoria La Giostra in zona Duomo, La Casalinga dall’altra parte dell’Arno o La Pentola dell’Oro a Santa Croce per assaporare le atmosfere Medievali e Rinascimentali.

 

Nei dintorni

Firenze si può visitare come una meta a sé, ma anche abbinandola ad una gita fuori porta, risalendo a Fiesole, agglomerato collinare affacciato sulla città, luogo di ville nobiliari e jet-set internazionale, o a Bagno a Ripoli, piccola frazione a pochi chilometri dal centro. E se volete allontanarvi un altro po’, in mezzora d’auto ci si addentra nella zona del Chianti, tra tenute, castelli, cantine prestigiose e paesaggi bucolici.

Q6XK8

Infine, per gli amanti dello shopping e dell’alta moda, ad Incisa, appena 30 minuti dal centro di Firenze, c’è uno degli outlet più noti d’Italia, The Mall, a Incisa, collegato anche da pullman dedicati. Prada, Gucci, Armani, Loro Piana, Tod’s e Hogan… insomma, tutto quello che desiderate si trova qui per un affare!

Buon viaggio!

 

Se da Firenze vi vorrete spostare a Siena, vi basterà leggere il nostro racconto di viaggio e partire per un giro on the road nella campagna più bella e invidiata del mondo!