Note legali e Copyright
Tutti i contenuti disponibili sul sito WWW.THETRAVELJAM.COM possono essere pubblicati su siti terzi solo ed esclusivamente previa autorizzazione da richiedersi a mikyekiro@thetraveljam.com, con la condizione che in caso di accettazione venga indicato l'autore come appare sul presente sito, e si faccia espressamente riferimento a WWW.THETRAVELJAM.COM come fonte. Qualsiasi violazione del diritto d'autore sarà perseguita ai sensi di legge, sia in sede penale che civile.
 

Viaggio a Copenhagen

C

openhagen ha la fama di essere la capitale più green d’Europa. Bioarchitettura, energie alternative, ecologia, sono le parole chiave di questa capitale nordica, dove tutti vanno in bicicletta, lo standard di vita è uno dei più alti al mondo e … non succede praticamente nulla.

Perché, nonostante tutti i suoi pregi, Copenhagen è una città che difficilmente va visitata di proposito in quanto poco attraente per i turisti, salvo quelli che si imbarcano da qui per le varie crociere nel Mare del Nord e nei fiordi norvegesi.

Il periodo migliore per un viaggio a Copenhagen è l’estate, consapevoli che anche in pieno agosto il tempo potrà essere freddo e piovoso. Un weekend basta e avanza, perciò se non avete altri impegni fatevi due notti e basta.

DSC05597

La tipica immagine da cartolina di Copenhagen, che avrete sicuramente visto su tante riviste, è quella di una sfilza di case colorate e antiche barche a vela ormeggiate davanti. Questo è il Canale di Nyhavn, centro della vita notturna e dei divertimenti, sempre intesi alla danese. In pratica si tratta di una pittoresca strada piena di ristorantini e locali, lunga non più di 500 metri, costeggia il canale solo da un lato, mentre sull’altro non c’è davvero nulla.

Così, se per qualche strana ragione vi troverete a Copenhagen, dovete soggiornare in questa zona. Noi abbiamo scovato il fantastico 71 Nyhavn Hotel, un edificio storico in posizione unica sulla punta estrema di Nihavn, dal lato giusto (www.71nyhavnhotel.dk). La mattina, con la nebbia, la pioggerellina e i piccoli rimorchiatori che passano sull’acqua sembra di trovarsi in un ostello di veri lupi di mare. Stupendo!

Attaccato all’albergo, sull’acqua, c’è l’avveniristico complesso del Teatro Nazionale e, pressoché di fronte, sull’altra sponda della baia, l’ancora più avveniristica Opera House.

La sera andate a mangiare sulla Nyhavn, aragoste appena pescate o la classica renna marinata.

La mattina successiva affittate delle biciclette o, se vi piace di più, incamminatevi a piedi sulla stradina dell’hotel proseguendo sul lungomare. Vi imbatterete prima nell’affascinante ed austero edificio dell’Admiral Hotel e subito dopo vi troverete sulla sinistra Piazza Amalienborg dove sorge il Palazzo Reale – in realtà si tratta di quattro edifici simmetricamente posizionati in modo architettonicamente bizzarro. Però belli!

Copenhagen 1

Ritornati sulla promenade, proseguite sempre dritti e dopo una decina di minuti, quando avrete oltrepassato il complesso pentagonale della Fortezza della città, contornata da un ampio fossato d’acqua, giungerete alla famosissima statua della Sirenetta, simbolo della città, seduta su una roccia contornata dall’acqua. Non si può dire che sia un’attrazione particolarmente interessante, ma non c’è molto altro da vedere.

Tornate su Nihavn e approfittate a fare qualche foto, naturalmente dal lato di fronte alla case colorate. Poi riportate le bici, premesso che le abbiate noleggiate, e salite su uno dei battelli che fa il giro sui canali. Fate quello più ampio, che va anche dall’altra parte della baia. Dura circa un’ora ed è il modo migliore per vedere la città. Sarà l’occasione per osservare come vivono i danesi, costeggiando le loro abitazioni e il loro giardinetti.

Una volta sbarcati su Nihavn, andate fino alla piazza dove finisce il canale e da li, proseguendo leggermente a sinistra, raggiungerete lo Stroget – la zona più bella di Copenhagen, di giorno e di sera, pedonale, ricoperta da una caratteristica pavimentazione. Cenate lì, poi tornate a piedi in albergo attenti a non inciampare in qualche danese con capelli color paglia che dorme sdraiato sulla banchina dopo essersi preso una bella sbronza.

Beh, la capitale danese è questa. Sperate che ci sia il sole, entrate in contatto con i danesi, (parlano tutti inglese) e soprattutto godetevi le atmosfere nordiche.

God tur!

La Mappa del nostro viaggio a Copenhagen