Note legali e Copyright
Tutti i contenuti disponibili sul sito WWW.THETRAVELJAM.COM possono essere pubblicati su siti terzi solo ed esclusivamente previa autorizzazione da richiedersi a mikyekiro@thetraveljam.com, con la condizione che in caso di accettazione venga indicato l'autore come appare sul presente sito, e si faccia espressamente riferimento a WWW.THETRAVELJAM.COM come fonte. Qualsiasi violazione del diritto d'autore sarà perseguita ai sensi di legge, sia in sede penale che civile.
 

Viaggio alle Maldive

A

bbiamo abbinato al nostro viaggio alle Maldive qualche giorno da trascorrere a Dubai (leggi il nostro racconto sul viaggio a Dubai cliccando qui), nel periodo migliore per visitare entrambi, ossia poco prima delle vacanze natalizie, quando i turisti sono ancora pochi e le tariffe relativamente basse.

DSC01528

Il primo impatto con questo paradiso, paragonabile per bellezza e mare solo alla Polinesia, si ha in vista dell’aeroporto, ricavato su un lembo di terra in mezzo al mare di fronte all’atollo su cui sorge la capitale, Malè. La pista inizia con i primi metri di terra ferma e gli aerei più grandi riescono a malapena a fermarsi prima di raggiungere l’estremità opposta. Come se si volesse ribadire che siete alle Maldive, il paese sull’acqua, dove vi attendono resort da sogno costruiti su piccole isole sparse in mezzo all’Oceano Indiano. Niente città, niente strade, auto, traffico, industrie, fiumi, montagne, pianure, caos … niente del mondo che conosciamo. Solo un’immensa distesa d’acqua dove qua e là sorgono dei piccoli isolotti contornati da spiagge bianche e acqua cristallina.

Male airport 2

Sul lato est del modesto edifico dell’aeroporto internazionale di Malè, in realtà poco più di un capannone, vi attende l’area lagunare dove sono ormeggiati i water taxi, gli idrovolanti bimotore delle due compagnie che collegano via aerea la capitale anche con i più remoti atolli delle Maldive. Sono bellissimi, sia i Maldiviana Air Taxi, rossi e bianchi, sia i giallo-blu della Air Maldivian. E’ uno spettacolo osservarli dalle vetrate della piccola sala d’attesa – fresca grazie all’aria condizionata – mentre si attende il proprio volo.

Tranne le isole più vicine, raggiungibili in battello, per il resto l’unico mezzo per spostarsi alle Maldive sono proprio gli acquaplani.
Il resort da noi scelto si chiama Royal Island (www.royal-island.com), fortemente raccomandatoci in quanto è uno dei pochi di proprietà di maldiviani perciò poco conosciuto nei circuiti turistici, con una clientela internazionale (leggi: pochi italiani) e uno dei migliori rapporti qualità-prezzo. Sito nell’atollo di Baa, di fronte al conosciutissimo in Italia “Kihaad Mahureva” della Valtur, si raggiuge in circa 30 minuti di aereo da Malè.

DSC01532

Sul piccolo biplano, quando iniziò a prendere velocità e si staccò dall’acqua, la porta della cabina di pilotaggio, probabilmente chiusa male, si aprì e riuscimmo a vedere i due piloti: tratti somatici nordeuropei, vestiti in camicia bianca e pantaloncini corti come prevedeva l’uniforme della compagnia, rigorosamente scalzi. Come per dire … “relax, siete in vacanza!”.
Sorvolare le Maldive, guardando dal finestrino le migliaia di isole sparse nell’oceano, è un’esperienza incredibile. Com’è stata anche quella, una volta arrivati a destinazione, di dover scendere con bagagli al seguito su una piccola piattaforma galleggiante in mezzo al mare, dove attendere l’arrivo della barca del resort, per via della barriera corallina che non permette agli aerei di avvicinarsi troppo.

DSC01737

Royal Island è una magnifica isola, piccolissima, con una bella club-house dotata di ristorante e piscina, un diving-center (Padi) e una quarantina di tipiche ville di legno tutte affacciate sul mare. Uscendo dalla nostra e incamminandoci sulla morbida sabbia, dopo una ventina di minuti ci trovavamo di nuovo davanti al porticato. Sensazione unica … solo noi, su un lembo di terra in mezzo all’oceano. Per non parlare dei tramonti.

DSC01600

Privacy, tranquillità, mare stupendo e una struttura dove venivamo coccolati a colazione, pranzo e cena. Di giorno si prendeva il sole sui lettini privati davanti alla villa, si faceva snorkeling sulla barriera corallina, si praticava scuba diving nel mare circostante in cerca di bellezze sottomarine e un po’ di adrenalina. Più tardi ci si poteva recare alla SPA per un massaggio rilassante in coppia e la sera si cenava nel magnifico ristorante a bordo piscina per concludere il tutto con un cocktail passeggiando sulla spiaggia illuminati dalla luna.

DSC01593

Eh si, perché la barriera corallina delle Maldive è nota come uno dei migliori posto al mondo per fare immersioni subacquee; già a pochi metri di profondità ci si trova in mezzo a branchi di pesci coloratissimi e l’incontro con tartarughe e piccoli squali è frequente ed emozionante.

m20

Che dire, le Maldive sono un vero paradiso, peccato che dopo cinque giorni passati a non fare niente abbiamo cominciato a rimpiangere il caos di Roma, i clacson, la frenesia, i telefoni che squillano. Insomma, vabbè un paradiso, ma a piccole dosi. Non siamo mica santi!

E per concludere questo viaggio alle Maldive abbiamo una piccola confessione da fare; nonostante l’affermazione che avete appena letto, quella che dopo una settimana in mezzo all’oceano la civiltà comincia a mancare, mentre salivamo sull’acquaplano ci siamo voltati abbracciando per l’ultima volta la piccola isola e una fitta al cuore l’abbiamo avuta… insieme ad una piccola lacrima. Perché le Maldive sono questo. Un luogo incantato che resta per sempre nel cuore.

DSC01616

Tornati a Malè, dall’aeroporto abbiamo preso uno dei battelli che portano in città e dato che avevamo qualche ora abbiamo fatto un giro. Tappa obbligata, il mercato coperto, dove fare provviste di Curry di ogni tipo. La città è un luogo strano, sovraedificato e sovrappopolato visto che non si può estendere da nessuna parte, con gente gentile e bizzarri frutti esotici. In un’ora si gira tutta l’isola a piedi, poi siete pronti a tornare ad attendere il vostro volo.

Buon viaggio!

La mappa del nostro viaggio alle Maldive