Note legali e Copyright
Tutti i contenuti disponibili sul sito WWW.THETRAVELJAM.COM possono essere pubblicati su siti terzi solo ed esclusivamente previa autorizzazione da richiedersi a mikyekiro@thetraveljam.com, con la condizione che in caso di accettazione venga indicato l'autore come appare sul presente sito, e si faccia espressamente riferimento a WWW.THETRAVELJAM.COM come fonte. Qualsiasi violazione del diritto d'autore sarà perseguita ai sensi di legge, sia in sede penale che civile.
 

West Coast USA on the road

V

isitare la West Coast USA on the road è una delle esperienze immancabili per qualsiasi viaggiatore, non solo perché si toccato mete uniche, si vedono paesaggi spettacolari e luoghi emozionanti, ma soprattutto perché, a differenza di altri percorsi più impegnativi in giro per il mondo, questo lo può fare chiunque, in coppia, con amici ed anche con i figli.

DSCF0125

Il periodo migliore è senz’altro tra giugno e settembre. Noi ci siamo stati a cavallo fra agosto e settembre e, a dire il vero, non ci siamo nemmeno accorti di essere in alta stagione. Le città, le strade, i parchi, tutto era tranquillo, organizzato, si trovava posto senza difficoltà e non c’erano ne file ne intoppi. Abbiamo toccato Los Angeles, Monterey e San Francisco per poi avventurarci nell’entroterra, raggiugnendo prima lo Yosemite National Park poi la Death Valley, Las Vegas, il Grand Canyon, il Bryce Canyon, la Monument Valley, Phoenix, San Diego e poi di nuovo a Los Angeles. Ventitrè giorni in tutto, per vedere la parte più bella e naturalisticamente interessante dell’America!

LOS ANGELES

Atterrati al LAX, l’aeroporto di L.A., abbiamo raggiunto il parcheggio dove ci attendeva la nostra Chevrolet prenotata dall’Italia. Abbiamo caricato le valigie e ci siamo diretti verso l’albergo.

DSCF0007

Los Angeles è una metropoli gigantesca, immensa, un’infinita distesa di quartieri con case basse e strade disposte a griglia che si sviluppa lungo la costa dell’oceano pacifico occupando un’area di centinaia di chilometri quadrati, attraversata da larghissime highways che vanno in ogni direzione. Non avendo un centro, come lo intendiamo noi europei, è una città che può disorientare e spesso non piacere ai turisti abituati a visitare parti storiche e monumenti.

E’ anche uno dei luoghi con il clima migliore al mondo, con poche giornate di pioggia e una piacevolissima media di 24 gradi praticamente tutto l’anno.

medium_416554605

Downtown è il centro finanziario e amministrativo, che ospita la zona dei grattacieli, ma non fatevi ingannare. Non è un centro vero e proprio. Le sue larghe strade sono deserte anche a mezzogiorno e alle cinque del pomeriggio non resta più anima viva. Luogo in cui girano molti film (siamo stati anche spettatori in diretta di un vero e proprio inseguimento per qualche film o serial televisivo!), è dominato dal US Bank Tower, il grattacielo con il caratteristico tetto a stella famoso per essere quello con cui di solto se la prendono gli invasori alieni che vogliono distruggere il mondo in quasi tutti i colossal hollywoodiani di fantascienza (Indipendence Day su tutti!).

DSCF0521

Così, avendo la macchina e considerata l’estrema facilità con cui ci si orienta a Los Angeles nonostante le dimensioni, a nostro avviso il miglior luogo per alloggiare è l’Hollywood Roosevelt (www.thompsonhotels.com) sul Hollywood Boulevard, dove, mentre vi godrete un drink a bordo piscina, vi sembrerà che da un momento all’altro sbucherà Al Capone vestito in blazer bianco e cubano in bocca.
Se volete calma e lusso, invece, sceglietene uno nella zona di Beverly Hills mentre un po’ distante dalla città ma di grande fascino è anche la zona costiera piena di locali e divertimento di Santa Monica e Venice Beach. Evitate invece, come avrete già capito, di alloggiare a Downtown!

DSCF0019

Noi siamo stati al Roosevelt ed è da lì, nel cuore di Hollywood, che bisogna iniziare il giro della città. Di fronte all’albergo c’è il Grauman’s Chinese Teatre, davanti al quale passa la famosissima Walk of Fame, il marciapiede dove i divi del cinema hanno la stella con il proprio nome incastonata nel pavimento.
Per il resto Hollywood Blv è un anonimo viale con negozi mediocri e fast food per turisti. Perciò prendete la macchina e salite sulle colline, nel quartiere di Hollywood Hills.

Anche qui non c’è nulla di particolare da vedere, ma a L.A. l’unica cosa da fare è questa … girare sulle strade e ammirare le case, i curatissimi giardini contornati da palme e macchine cabrio parcheggiate nei viali, la vita lenta e rilassata, le belle ragazze che fanno jogging e uomini in pantaloncini corti che portano a spasso i cani. Dietro ogni cancello è probabile che si nasconda un regista ambizioso in cerca del suo momento di gloria, uno sceneggiatore in crisi o qualche attore non ancora affermato che studia un copione.

DSCF0024

Dopo aver girato un po’ sulle colline di Hollywood, scendete sul Sunset Boulevard, caratterizzato dalle altissime palme allineate, che vi porterà dritti nel cuore di Beverly Hills. Tenete come riferimento il Beverly Hills Hotel dal quale, girando a sinistra e andando dritti fino a Santa Monica Boulevard vi troverete di fronte la Rodeo Drive, la strada dello shopping di lusso (Pretty Woman) mentre, proseguendo sul Sunset Blv arriverete al monumentale ingresso di Bel Air, il vero quartiere delle celebrità di Hollywood, dove star del cinema, produttori, magnati dell’industria e addirittura ex politici come i Reagan acquistano spettacolari ville affacciate su tutta la Los Angeles.

DSCF0027

Dopo un breve giro a Beverly Hills andate sulla Rodeo Drive e fate una passeggiata fermandovi in uno dei tanti caffè. Poi fate anche un giro sulle strade di Bel Air e da lì, lungo Santa Monica Boulevard, raggiungete Santa Monica. Il “centro”, se così si può dire, è Santa Monica Pier.

Il lunghissimo molo che sovrasta la spiaggia dominato dalla famosa ruota panoramica che avrete visto in tanti film e telefilm. Qui hanno girato anche il seriale di Baywtach e, nonostante i bagnini che ricordano in qualche modo Pamela Anderson che corre verso l’acqua con cappelli al vento o l’atletico David Hasselhoff che scruta l’orizzonte dalla torretta, sulla sabbia, piuttosto che modelle con corpi suntuosi e ragazzi muscolosi è più facile vedere famiglie di latinoamericani in canottiera che mangiano cibo in scatola.

DSCF0064

Comunque, il posto è bello, soprattutto il molo. Da li spingetevi prima a nord, lungo la Pacific Coast Highway fino a Malibù, la spiaggia delle celebrità con delle bellissime case affacciate sull’oceano. Poi tornate indietro e, oltrepassata Santa Monica, proseguite verso sud fino a raggiungere Venice Beach, la zona più divertente, pittoresca e animata di Los Angeles. Vi potreste addirittura imbattere, come è successo a noi, in un rave di percussionisti sulla spiaggia e ballare senza sosta fino al tramonto!

DSCF0044

Il caratteristico lungomare è cosparso di case con architettura eccentrica, ristoranti, negozi e locali dove la gente passeggia, corre, va sui rollerblades, suona, canta o si allena nelle palestre all’aperto per poi sedersi con birra in mano sulla lunghissima spiaggia a guardare il tramonto. Qui sì che vedrete bella gente!

DSCF0057

DSCF0056

Restate a cena, è stupendo. E dietro Venice Beach, tra la 22sima e la 27sima, c’è anche la zona dei canali chiamata Little Venice, un bizzarro cumulo di case sull’acqua che sembra un set cinematografico.

Il giorno dopo passate per Downtown e date un’occhiata al magnifico Walt Disney Concert Hall, capolavoro dell’architettura moderna, per poi raggiungere gli Universal Studios. Nascosti dietro la collina di Hollywood, gli Studios vi faranno immergere nella vera atmosfera della più grande industria del divertimento al mondo. Dallo squalo dell’omonimo film, alla casa di Psycho, vi troverete sui set ricostruiti dei più famosi film hollywoodiani.

DSCF0070

La mattina dopo prendete la highway che va a nord, verso San Francisco. Appena lasciata Los Angeles (ci metterete circa un’ora), dall’autostrada, si iniziano a vedere zone collinari con grandi tenute contornate da vigneti, lussureggianti paesaggi agricoli seguiti da aree spoglie e battute dal vento, disseminate di pale eoliche.

MONTEREY

La prossima meta è Monterey, a circa quattro ore di auto a nord, meravigliosa cittadina sull’oceano, capoluogo di una delle zone di vacanza preferite dai californiani bene. Atmosfere da grandi batture di pesca, tempeste oceaniche e lupi di mare. Sotto i moli di legno del porticciolo dominate dai caratteristici ristorantini disposti in fila lungo l’Old Fisherman’s Warf, centinaia di foche si rotolano sulle scogliere scaldandosi al sole mentre grossi pellicani a becco giallo attendono seduti sulle balaustre il ritorno dei pescherecci. Qui c’è il famoso Monterey Bay Acquarium con l’annesso Centro Oceanografico tra i più importanti al mondo.

DSCF0138

Dall’Old Fisherman’s Warf partono ogni mattina le barche della GoWhales che portano gli escursionisti a vedere le balene e le orche che attraversano la Baia di Monterey, a volte a poche centinaia di metri dalla riva. Vedere questi giganti del mare sotto la prua della barca, le enormi code che si innalzano sulle onde per poi scomparire sott’acqua è un’esperienza davvero unica!

DSCF0166

Il giorno dell’arrivo visitate l’acquario e il paese, cenando sul porto, ovviamente pesce e crostacei, mentre la mattina seguente, dopo la gita del Whale waching prendete l’auto e raggiungete la 17 miles drive, una delle strade costiere più spettacolari d’America che, tra spiagge bianchissime e scogliere dominate da pini, querce e cipressi, segue la frastagliata costa che da Monterey scende fino alla famosissima cittadina di Carmel, ritrovo storico dei più grandi artisti, poeti e scrittori americani, il cui sindaco per anni è stato Clint Estwood.

DSCF0192

Un visita e, se siete golfisti, una giocata la merita il Peeble Beach Golf Course, un campo spettacolare contornato dal mare e dai boschi su cui è frequente vedere daini e cerbiatti.
Se poi non vi basta, oltre a Carmel sempre sulla costa si può raggiungere anche la Big Sur, un altro tratto spettacolare e famosissimo affacciato sull’oceano che ogni anno attira milioni di turisti.

DSCF0149

Noi abbiamo alloggiato per 2 notti all’Hilton Garden Inn (www.hilton.com) di Monterey ma anche Carmel non è da sottovalutare. A voi la scelta. Ricordate che, nonostante fossimo in California, a differenza della calda e assolata Los Angeles qui anche ad agosto può fare davvero freddo, perciò equipaggiatevi con maglie e giacche antivento.

 

SAN FRANCISCO

Il giorno dopo, in un paio d’ore percorrete i 180 chilometri che vi separano da San Francisco, una delle città più belle d’America, per posizione, paesaggio e stile di vita.

DSCF0240

Contornata da una spettacolare baia, San Francisco si sviluppa su decine di ripide colline che danno nome ai diversi quartieri della città. Questa particolarità geografica ha reso famose in tutto il mondo le sue strade fatte di sali e scendi, contornate da eleganti case vittoriane color pastello allineate a scaletta e i Cable Car, i caratteristici tram storici che si arrampicano su e giù permettono ai passeggeri di salire in corsa. Al centro della baia c’è l’isola di Alcatraz, sulla sinistra lo spettacolare Golden Gate Bridge e sulla destra i grattaceli del Financial District dominate dal puntiginoso Transamerica!

DSCF0266

La parte bella della città è quella “sopra” la Market Street, una delle strade principali che attraversa il centro in diagonale. Cercate di alloggiare più in alto possibile, almeno a cinque isolati dalla Market, prendendo come orientamento il Fairmont Hotel, il migliore della città.

DSCF0198

Per il resto, i luoghi da vedere sono Union Square considerato il centro della città e zona dello shopping, la particolarissima e panoramica Lombard Street, piena di fiori che va su a zigzagando (è senso unico e si percorre in auto in discesa), Chinatown – il più antico (e famoso) quartiere cinese fuori dall’Asia dove si accede dalla caratteristica porta d’ingresso, e le Painted Ladies (anche conosciute come le “7 sorelle”),

DSCF0276

7 case vittoriane che, con lo sfondo dei grattaceli del Financial District e la baja, incorniciano una delle immagini simbolo della città. Fate qualche foto con queste, dal giardino di fronte, e poi scendete verso la Bay Street dove troverete il Fisherman’s Warf e il famoso Pier 39, un molo contorato da centinaia di puzzolentissime e chiassose foche e una spettacolare vista sulla baia e su Alcatraz.

DSCF0266

Pranzate in uno dei ristoranti intorno e poi, costeggiando il lungobaia raggiungete il Marina Boulevard dove sulla sinistra trovate il bellissimo laghetto con il Palace of Fine Arts dove Sean Connery incontrava la figlia nel film “The Rock”, da vedere assolutamente prima di visitare San Francisco, e sulla destra la spiaggia affacciata su quello che è considerato il più bel ponte del mondo, il Golden Gate Bridge, capolavoro dell’ingegneria, magicamente sospeso sullo stretto che collega l’Oceano Pacifico e la San Francisco Bay, in uno degli scenari più suggestivi che si possano immaginare. A patto però che non sia avvolto dalla fitta nebbia che scende spesso sulla città durante l’estate, facendo battere i denti dal freddo, mentre inspiegabilmente il versante di fronte, dove si trova la pittoresca cittadina di Sausalito, è sempre caldo e assolato.
La frase memorabile riguardo tale fenomeno è di Marc Twain: “l’inverno più freddo della mia vita è stato un’estate a San Francisco!“.

DSCF0210

La sera andate a mangiare sushi intorno a Union Square e, premesso che siate una coppia eterosessuale senza figli a seguito, tenetevi per mano mentre passeggiate sulle strade, altrimenti rischiate di essere importunati. A San Francisco vive la più grande comunità gay d’America, allegra, estrosa, libera e gentile, ma quando si è in luoghi pubblici bisogna comunque dare segnali precisi per evitare situazioni imbarazzanti.

La mattina seguente scendete al Fisherman’s Warf e imbarcatevi per Alcatraz. La visita del penitenziario più famoso al mondo va prenotata on line con largo anticipo, altrimenti è quasi impossibile visitarlo e sappiate che ne vale veramente la pena. Girerete per i padiglioni che hanno ospitato i più feroci criminali d’America e potrete anche “assaporare” il gusto di stare dietro le sbarre! Oltretutto da li vista sulla città è spettacolare.

DSCF0258

Nel pomeriggio vi resta vedere il Japanese Tea Garden, il giardino giapponese con delle pagode e templi che si trova all’interno del Golden Gate Park e anche Castro, il quartiere gay per antonomasia, molto decantato dalle guide ma in realtà una zona normalissima, poco diversa dalle altre, con strade tranquille e lontana da ogni folcloristica stravaganza che le si vuole attribuire.

Il giorno dopo passate sul Golden Gate Bridge, emozionante, e fermatevi nella bellissima cittadina di Sausalito per un caffè vista baia perché da ora in poi di mare ne vedrete poco. Poi imboccate la strada per la prossima tappa del viaggio, lo Yosemite National Park.

YOSEMITE

Lo Yosemite parte della catena montuosa della Sierra Nevada ed è stato dichiarato Patrimonio dell’Unesco. Prenotate in uno dei numerosi lodge del parco o appena fuori (noi siamo stati al Yosemite View Lodge, il più vicino al parco sul Merced River) e poi godetevi questo luogo meraviglioso, tra fitti boschi, cascate tra cui la Yosemite Falls, il Mariposa Grove dove si trovano le sequoie giganti alcune dei quali hanno 2000 anni, il Glacier Point, il punto più panoramico da dove lo sguardo spazia sull’intero parco e l’Half Dome, la roccia granitica più alta del mondo (2700 metri) che sembra tagliata a metà, paradiso per gli amanti del free-climbing, disciplina che si dice essere stata inventata da queste parti.

E se siete fortunati, vi imbatterete anche in qualche famiglia di orsi che attraversa la strada ignorando la vostra presenza come se fermarsi per dargli la precedenza fosse la cosa più naturale al mondo.

Una delle cose più incredibili di questo viaggio on the road è vedere come cambia il paesaggio in poche ore di auto, si passa dall’assolata e mite L.A. alla nebbiosa San Francisco, dai boschi e dalle fresche cascate dello Yosemite National Park ad una delle zone più aride e calde del pianeta, la Death Valley.

DSCF0299

E’ un luogo desertico che, visto che venite dallo Yosemite, vi farà sentire catapultati in un’altra dimensione.
Un raccomandazione: prima di inoltrarvi nella vallata fate il pieno di benzina, rifornitevi di bibite e pregate che la macchina vi porterà a destinazione… altrimenti rischiate di diventare pasto per i cojotes!

 

DEATH VALLEY

Il Death Valley National Park si estende per 150 km di paesaggio lunare, interrotto solo da una piccola oasi chiamata in modo emblematico Furnace Creek Ranch. E’ uno dei tre punto di ristoro della zona, unico sulla strada principale e, anche se sembra incredibile, ha anche un campo da golf, cosa poco interessante considerato che ad agosto le temperature superavano di giorno i 50 gradi mentre di notte si assestano intorno ai 38-40. E quando abbiamo deciso di rinfrescarci in piscina abbiamo scoperto che questa si alimentava da una sorgente naturale, ovviamente calda!

DSCF0344

In ogni caso, dormire nella Death Valley è un’esperienza unica. La mattina montate in auto e andate a visitare quello che c’è intorno; il Dante’s View la terrazza panoramica sul Mojave Desert e sul Badwater Basin, a circa 40 km dal Furnace Creek,

DSCF0350

poi il Devil’s Golf Course, la distesa di conformazioni saline cristallizzate che sembra che sussurrino sotto il sole cocente, seguito dal Badwater Basin, il punto più basso del Nord America (-86 metri sotto il livello del mare) per poi raggiungere il famosissimo Zabriskie Point (ricordate l’omonimo film di Antonioni?), il Mosaic Canyon e lo spettacolare – per via dei diversi minerali che tingono la montagna in vari colori – Artists Palette. Tutti posti incredibili che sembrano davvero appartenere ad un altro pianeta.

DSCF0333

Finito il giro della Death Valley, con aria condizionata a palla abbiamo percorso quei 250 km fra deserte highways che costeggiano i canyons fino a raggiungere nel tardo pomeriggio Las Vegas, proprio quando le migliaia di luci e insegne luminose della città cominciavano ad accendersi. Un’emozione vera.

 

LAS VEGAS

Capitale del gioco d’azzardo e del divertimento, Las Vegas è uno dei luoghi più assurdi al mondo. Costruita in mezzo al deserto, lungo una sola strada principale – The Strip – quella dei Casinò, in realtà è un gigantesco parco giochi per adulti che oltre alle slot machine e alle roulette offre anche meravigliosi spettacoli e concerti, ristoranti panoramici, club e svago di ogni genere.

DSCF0389

Qui si dorme di giorno e si vive la sera e tutto è studiato per farvi giocare. Infatti, gli hotel sono dentro, o meglio, sopra i casinò, ogni albergo offre h 24 degli spettacolari buffet ad appena 15 dollari per invogliarvi ad entrare, mangiare, bere e poi restarci e spendere dieci volte tanto ai tavoli da gioco.

Addirittura, in alcuni punti della Strip, per attraversare la strada bisogna prendere le scale mobili che vi fanno salire in uno dei casinò da dove, su un ponte e attraversando un altro casinò, finalmente riuscite a scendere dall’altra parte!

Dove alloggiare? Beh … sicuramente sulla Strip, poi la scelta è vostra. Il Bellagio è quello più elegante (dovete vedere lo show delle sue fontane danzanti tra musica e luci), il Caesars Palace è davvero kitsch, poi c’è il maestoso MGM Grand, lo sfarzoso Madalay Bay, il Venetian, New York New York,The Mirage … insomma, la scelta è davvero ampia e ci è impossibile darvi alcun suggerimento perchè ce n’è per tutti i gusti. Tutti alberghi giganteschi, molto divertenti e pacchiani al punto giusto, tra vulcani artificiali (vi ricorda qualcosa?), piscine esotiche, gondole e gondolieri, montagne russe e quant’altro si possa immaginare.

Poi, sulle laterali dello Strip ci sono altri begli alberghi e residence ma senza casinò, perciò perdono di fascino.

DSCF0376

Se poi non siete dei giocatori incalliti e volete vedere qualcosa in più dei tavoli verdi, un’esperienza assolutamente da provare è senz’altro il Las Vegas Indoor Skydiving, il simulatore al chiuso di lancio con paracadute. Divertentissimo e dal quale uscirete con la voglia di imitare Patrick Swayze e Keanu Reeves in Point Break che si lanciavano proprio sopra Lake Powell.

E quando non ne avrete più di Vegas, che per i non giocatori di solito si traduce in circa due giorni, risalite in auto e avviatevi verso il Grand Canyon. Sulla strada, appena usciti dalla città, fate una sosta alla spettacolare diga Hoover Dam su Lake Powel. Dopodiché rilassatevi, mettete un po’ di musica country e fissate il cruise control. Avrete davanti a voi 400 km di strada in mezzo al nulla.

GRAND CANYON

Il Grand Canyon è sicuramente uno dei luoghi più impressionante sul pianeta. L’immensa gola scavata dal fiume Colorado, profonda in alcuni punti fino a 1600 metri, con vertiginosi precipizi e punti panoramici unici, si estende su una aria vastissima.
La parte migliore, però, è il South Rim ed è lì che dovete cercare alloggio, in uno dei lodge dentro o immediatamente fuori l’ingresso del parco. La scelta è alquanto scarna, perciò informatevi bene (www.grandcanyonlodges.com).

DSCF0002

E non fate l’errore di molti di restare una notte sola. Il parco vale almeno due se non tre notti anche se noi ci saremmo rimasti per una settimana. La mappa vi indicherà quali sono i punti più panoramici, uno tra tutti li Mother Point. Oltre a girare in macchina o a piedi potrete fare rafting sul fiume Colorado o scendere nelle gole in sella ad un cavallo o sul dorso di un asino, accompagnati dai ranger. Ma quello che vi resterà per sempre è il tramonto, indimenticabile!
Ad ogni modo è meglio, anzi essenziale, prenotare tutto ciò dall’Italia in quanto questo tipo di attività sono fatte col contagocce e poche persone ogni giorno possono raggiungere la base del Canyon.

 

BRYCE CANYON

Dopo il Grand Canyon ci attendeva, dritti a nord, appena varcato il confine con lo Utah, il Bryce Canyon National Park, un altro dei famosi parchi americani, sempre molto particolare e sicuramente diverso dagli altri ma più piccolo perciò visibitale in mezza giornata. Il suo punto più famoso è l’Anfiteatro, una vallata ricoperta dai particolarissimi pungiglioni color arancione formatisi milioni di anni fa dall’erosione terrestre.

DSCF0454

Poi si fa una passeggiata a piedi mezzo ai canyon, ammirando delle formazioni rocciose davvero incredibili, con piccoli sassi su cui poggiano altri molto più grandi, archi naturali e bizzarre conformazioni di ogni genere. Qui si sono ispirati i creatori di Bi Bip nell’ambientare il famoso cartone animato con Willy il Coyote.

MONUMENT VALLEY

Nel pomeriggio, lasciato Bryce Canyon, siamo ritornati in Arizona diretti a Kayenta, uno dei luoghi più assurdi d’America. Un piccolo conglomerato di case con tetti di lamiera, metà blu e metà rossi, lungo i due lati della polverosa statale, con tre semafori scricchiolanti che lampeggiano ad intermittenza e un solo hotel, mulinelli di vento che alzano improvvisamente la sabbia e nemmeno un’anima viva.

DSCF0466

Il tutto in mezzo al nulla!
Fortunatamente la nostra vera meta era un’altra: Kayenta è il capoluogo, per così dire, del Monument Valley Park, al centro della riserva degli indiani Navajo, da loro gestito. Noi abbiamo dormito nell’unico hotel (almeno così ci è sembrato!), l’Hampton Inn of Monument Valley della catena Hilton, a dire il vero decente, ma per farvi comprendere quanto sia remoto questo posto, abbiamo pagato 28 dollari per circa cinquanta secondi di telefonata intercontinentale. Più o meno quanto il costo della camera!

DSCF0465

La Monument Valley è il simbolo del Far West e dell’America dei Cowboys, dove sono stati ambientati la maggior parte dei film western e non solo (come dimenticare la scena iniziale di Mission Impossible?). E’ stupefacente vederla soprattutto al tramonto, venendo sulla drittissima highway 163, dalla quale si apre uno scenario mozzafiato, con le gigantesche conformazioni rocciose, i Butes, che s’innalzano solitarie tinte di rosso dal sole calante, in fondo alla drittissima strada che scende verso la vallata. E’ l’immagine più “on the road” del pianeta!
Fermatevi ad osservare questo raro spettacolo della natura, poi raggiungete Kayenta.
Il giorno dopo fate un giro in macchina nel parco e all’ora di pranzo riprendete la strada per Sedona.

SEDONA

La piccola cittadina di Sedona, sita in un meraviglioso scenario naturalistico, è la culla del movimento New Age, un luogo considerato tra i più mistici del pianeta, dove si ritiene che le rocce emettano energie particolari (si dice che anche gli alieni ci facciano visita!!!!), per cui attira da sempre artisti e scrittori, gente appassionata di yoga e pratiche ayurvediche e fricchettoni da tutto il mondo che si metto a meditare all’alba seduti sulle rocce rigenerando i punti d’equilibrio emotivo in cerca di una rinascita spirituale.

DSCF0485

Però è fico ed è talmente “figli dei fiori” e “peace and love” da rendere chiunque calmo, rilassato e felice. Da non crederci! C’è anche la famosa chiesa Chapel Of The Holy Cross incastrata nella roccia che merita una visita e una foto dalla sua vetrata.

Fermatevi a dormire a Sedona per spezzare il viaggio di ritorno (noi siamo stati all’Amara Resort & Spa), perché giunti a questo punto, avete due opzioni. La prima è tornare dritti a Los Angeles, la seconda è allungare passando per Phoenix e San Diego. Noi abbiamo scelto al seconda e, onestamente, ci siamo pentiti. A

PHOENIX, SAN DIEGO E RIENTRO A L.A.

Phoenix, come anche nella vicinissima Scottsdale dove abbiamo dormito, non c’è niente, ma proprio niente, tranne dei giganteschi cactus qua e là. Strade deserte anche a Downtown e un’imbarazzante desolazione. Scottsdale, elegante e raffinata, è il ritrovo dei pensionati d’America per via del caldo e della scarsa densità e l’unica cosa che c’è da ammirare è il deserto che arriva sin dentro la cittadina.

DSCF0486

Va un po’ meglio a San Diego, sicuramente più animata, ma comunque anch’essa decisamente poco interessante. Basta pensare che per divertirsi, i residenti si sono inventati un tram che in venti minuti li porta oltre alla frontiera con il Mexico, nella pericolosissima Tijuana, dove vanno per spassarsela e ubriacarsi nei bar malfamati per poi, salvo che non li facciano fuori prima, tornare a casa all’alba.

DSCF0510

In ogni caso, se optate per San Diego, l’unica attrazione vera è SeaWorld, il parco acquatico, veramente bello!

DSCF0493

Tornati a Los Angeles dopo più di venti giorni e circa 6000 km avrete la sensazione di aver visto il mondo intero. E’ un viaggio meraviglioso, che tocca luoghi unici e diversissimi e che ricorderete per tutta la vita.

Have a nice trip!

La mappa del nostro viaggio attraverso la West Coast