Note legali e Copyright
Tutti i contenuti disponibili sul sito WWW.THETRAVELJAM.COM possono essere pubblicati su siti terzi solo ed esclusivamente previa autorizzazione da richiedersi a mikyekiro@thetraveljam.com, con la condizione che in caso di accettazione venga indicato l'autore come appare sul presente sito, e si faccia espressamente riferimento a WWW.THETRAVELJAM.COM come fonte. Qualsiasi violazione del diritto d'autore sarà perseguita ai sensi di legge, sia in sede penale che civile.
 

Viaggio a Miami

L

unghe spiagge bianche, locali alla moda, yacht club, meravigliose ville sull’acqua, grattacieli e campi da golf, il tutto sotto il caliente sole caraibico. Questo e molto di più nel nostro viaggio a Miami: una città inconfondibile, libera, godereccia, che ha il sapore di vacanza, di divertimento e di spensieratezza.

Con una spettacolare posizione geografica, sulla punta estrema della Florida, racchiusa tra l’Oceano Atlantico, la baia di Biscayne e le famose paludi delle Everglades, la città di Miami (da non confondere con l’area metropolitana che ha un’estensione notevole) si è trasformata negli ultimi vent’anni nel simbolo del buen vivir americano spodestando L.A., e attirando il gotha del cinema e della musica nonché milioni di turisti stranieri che la visitano soprattutto nel periodo invernale quando il clima è mite e piacevole.

miami 1

La zona più nota della città è Miami Beach, una lunga striscia di terra chiusa tra l’oceano e la spettacolare Biscayne Bay, dove dal lato della spiaggia ci sono numerosi hotel e grandi condomini di lusso, mentre dal lato opposto, affacciati sui grattaceli di Downtown, ci sono le ville milionarie costruite a ridosso dell’acqua con gli yacht ormeggiati ai pontili.

Il cuore di Miami Beach è la parte bassa, chiamata South Beach, con la famosissima Ocean Drive, il lungomare modaiolo, caratterizzata dai particolarissimi edifici dell’Art Decò Historical District e da numerosissimi locali. Qui ci sono anche alcuni degli alberghi più blasonati della città, perciò è la zona migliore dove alloggiare.

miami 2

Noi siamo stati al meraviglioso King And Grove “The Tides South Beach”, (www.kingandgrove.com), uno degli storici hotel sull’Ocean Drive, con spettacolare affaccio sulla spiaggia e sull’oceano e un lounge bar direttamente sulla strada per godersi lo “struscio”. Splendido e soprattutto centralissimo!
A Miami Beach ci sono molti altri alberghi di gran fama, come il Delano, il Ritz-Carlton e il Richmond che si trovano, però, lungo la Collins Avenue e, considerate le distanze, risultano un po’ scomodi per raggiungere l’Art Decò District anche se ci si mettono comunque non più di dieci minuti.

miami 9

Così, atterrati al Miami International Airport siamo andati subito a noleggiare un auto, indispensabile per una città come Miami. Le diverse compagnie, dall’Avis a Herz, vi accompagnano con dei pullmini ai parcheggi dove la scelta è davvero ampia, ma optate senza esitazione per una cabriolet, a prescindere se scegliete le economiche Chrysler o qualcosa di meglio. Sono tutte grandi, comode e con cambio automatico.

Una volta presa l’auto, salite sulla Dolphin Expressway che vi porta dritti a Downtown Miami. Dopo poco si iniziano ad intravedere i grattaceli del centro che si avvicinano sempre di più, poi la strada scende e dovete seguire i cartelli per Miami Beach, a cui si arriva attraversando la baia sulla spettacolarissima McArthur Causeway, un viale in mezzo all’acqua che costeggia da un lato alcune isole come Star Island – che ospita le ville delle star – e dall’altro lato il porto con una sfilza di navi da crociera pronte per salpare per i Caraibi. E’ uno dei luoghi più emblematici di Miami che avrete visto migliaia di volte nei film d’azione e in serial come CSI Miami.

miami 10

La McArthur Causeway vi porta invece a Miami Beach che, più che il centro della città, sembra un luogo di villeggiatura. Zero traffico, gente in pantaloncini corti che fa jogging o passeggia con il cane, altri che tornano in costume da bagno dalla spiaggia, locali con tavolini all’aperto, atmosfera rilassante. Solo la sera l’Ocean Drive si colora e si anima, i suoi ristoranti e bar si riempiono di gente e la strada si trasforma in una sfilata di bolidi fiammanti e bella gente che si vuole esibire. Il tutto, però, in modo molto tranquillo e naturale, senza alcun chiasso o caos come si potrebbe pensare.

Decisamente meno esibizionista e snob di Ocean Drive è la vicina Lincoln Road – la via dello shopping di South Beach, che si trova tra la 16sima e la 17 sima.

Bellissima, pedonale, si raggiunge percorrendo la Collins Avenue, è piena di negozi, mall, gallerie d’arte, ristoranti, bar, caffè … qui trovate tutto quello che vi serve e la sera ha un atmosfera meravigliosa, da vera Miami! Andateci a cena, magari nel modaiolo Sushi Samba. Molto vicino c’è anche la Espanola Way, una stradina pedonale con molti ristorantini e negozi, da visitare soprattutto la sera.
Sull’estremità opposta di South Beach, invece, sotto la 5th street, troverete i luoghi chic del gourmet e della vita notturna, tra cui il famoso Nikki Beach, locale sulla spiaggia frequentato dai Vip dove prendere un aperitivo nel pomeriggio o il Red, la migliore Steak House di Miami Beach che si trova alla fine di Washington Avenue. Siamo capitati al tavolo accanto a Rod Stewart che, sentendoci chiedere al sommelier di raccomandarci un buon rosso americano, intervenne suggerendo il californiano Row Eleven che è stato davvero un’ottima scelta. Thanks, Rod!

Comunque, vista la rapidità con cui cambiano le mode, chiedete sempre al concierge dell’albergo suggerimenti sui locali più trendy, e di prenotarveli, altrimenti rischiate di non trovare posto da nessuna parte.

miami 3

Di giorno, oltre a godervi la spiaggia e i locali, fate un giro in auto per South Beach, lentamente con la capotte della macchina abbassata come si usa da queste parti. Girate sulla 17sima verso la baia e prendete la Venetian Causeway che vi farà attraversare cinque delle più belle isolette sulla Biscayne Bay – la Belle, Rivo Alto, la San Marino, la San Marco, la Venetian e la Biscayne, isolotti con meravigliose ville affacciate sulla baia di fronte ai moderni condomini dalla parte opposta. Questa è la ed unica vera Miami!

miami 6

Ricordate, invece, che le tre isole Palm, Hibiscus e la più famosa Star Island, che si trovano dall’altra parte lungo la Mc Arthur Causeway, sono accessibili solo dai residenti.
Alla fine della Venetian Causeway girate a sinistra, raggiungete Downtown e fate un giro. E’ bello da vedere, con i suoi grattaceli contornati dalla baia, ma non c’è nulla che merita veramente di scendere dall’auto!
Molti siti e guide suggeriscono di visitare due quartieri di Miami che si trovano a sud di South Beach, Coconut Grove e Coral Gables.

 

Le isole Keys

Il giorno seguente, andando verso le Keys, ci siamo fermati per vederli visto che la strada passava proprio lì e, a dire la verità, tutt’oggi continuiamo a domandarci cosa ci fosse di così interessante. Due zone normalissime che non stanno nemmeno sul mare, nulla a che vedere con la bellezza di South Beach e delle isole affacciate sulla Biscayne Bay. Insomma, una perdita di tempo.

Miami 2009 17

Le Keys sono un arcipelago di circa 1700 isole e isolotti collegati da una delle più spettacolari strade al mondo, the Overseas Highway, che parte circa 15 miglia a sud di Miami e all’inizio costeggia le Everglades con i numerosi cartelli di “pericolo attraversamento coccodrilli”. Per visitarle si può dedicare una giornata, come abbiamo fatto noi, percorrendo circa metà della strada e una volta raggiunta Islamorada tornare indietro, oppure farsi tutti i 150 km fino alla cittadina di Key West, sulla punta estrema, dove restare a dormire una notte.

miami 7

E’ un luogo che nasconde atmosfere incredibili; un susseguirsi di isole e piccoli villaggi con case di legno e pontili con ormeggiati i fisherman – le tipiche barche da pesca ricoperte da canne – ristorantini su palafitte che offrono oysters & crabs mentre nelle basse acque cristalline attendono dei piccoli squali in attesa che qualche turista gli tiri un pezzo di pane. Qui c’è il sapore autentico dei romanzi di Hemingway, la cui casa a Key West oggi è diventata un museo, il sapore di tempeste tropicali, di pescatori, di pellicani e coccodrilli.

A pranzo abbiamo mangiato all’Islamorada Fish Company dove, su una palafitta al centro di un delizioso porticciolo abbiamo mangiato shrimps&crabs con gli squaletti che ci passavano sotto ai piedi e i pellicani che ci guardavano annoiati. Poco dopo ci siamo fermati da Robbie’s Marina ad ammirare i pellicani e dare da magiare ai tarpon, dei giganteschi pesci dell’atlantico che facevano una certa impressione. Questo è il posto giusto se vorrete noleggiare una barca per una battuta di pesca,… noi invece abbiamo fatto dietro front a causa di un incombente uragano.

miami 8

Tornati a Miami ci si può concedere anche una piccola dose di shopping andando a “saccheggiare” una delle infinite mall. Noi abbiamo optato per la Aventura Mall, tempio dello shopping, che si trova nel district di Aventura, raggiungibile da South Beach andando sempre a nord sulla Collins Avenue, prima di Fort Lauderdale.

Se avete un giorno in più e siete appassionati, fate un giro anche nelle Everglades, le immense paludi intorno a Miami abitate solo da coccodrilli dove si può fare un giro planando in superficie sulle caratteristiche airboats per sentirsi parte della squadra di Orazio Cain!

Noi abbiamo abbinato Miami con il Messico, trascorrendo la settimana successiva nello Yucatan, ma questa meravigliosa città si presta anche per essere un punto di partenza per visitare la Florida, raggiungere qualche isola caraibica o semplicemente restarsene qui… A voi la scelta!

Enjoy your trip!

 

 

 

 

 

La mappa del nostro viaggio a Miami